In questo momento, in cui l’emergenza sanitaria, causata dalla diffusione del COVID-19 va, di pari passo, con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi.

Per questo Ristoaffari, ha deciso di pubblicare qualche notizia del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

Secondo le elaborazioni di Export Planning, nel 2019 il valore della produzione globale di frutta e verdura lavorate e confezionate, era stimabile in 62,2 miliardi di dollari.

In questo scenario il nostro Paese non sfigura: con 4 miliardi di euro, siamo il terzo produttore mondiale e quasi tre quarti in valore della produzione, circa 2,9 miliardi di euro, sono destinati alle esportazioni.

Nel quadriennio 2020-23, inoltre, è previsto che le nostre vendite all’estero cresceranno mediamente di un +5,6% l’anno.

Riguardo alle tendenze di consumo, per il 2020 gli esperti internazionali di non hanno dubbi: quest’anno i consumatori cercheranno i loro snack nei banchi frigo e prediligeranno le barrette con frutta e verdura, ma anche frullati di verdura bevibili in brick.

Continuerà a crescere inoltre la tendenza della frutta fresca tagliata in confezioni monodose, che vedrà una sempre maggiore cura del packaging: non solo sostenibile, con monomateriali facilmente riciclabili o magari compostabili, ma anche che strizzerà l’occhio al design ed alla moda.

Un target su cui si focalizzerà molto l’attenzione sono i bambini: per esempio, sono molte le scuole che nei distributori automatici hanno sostituito i prodotti confezionati con la frutta fresca. Colori allegri, presentazioni divertenti, confezioni ad hoc aiuteranno i genitori a “convertire” i loro figli dal classico break ad alto tasso di zuccheri a una merenda green e vitaminica.

In tema di vitamine, andranno sempre forte i succhi, estratti o shake di frutta e verdura, magari integrati con superfood, intesi come spezie, semi o frutta secca. Anche questi ultimi continuano, infatti, la loro ascesa grazie alle numerose proprietà nutrizionali di cui i consumatori sono sempre più consapevoli, e sono ormai ingredienti quasi imprescindibili delle insalate.