Potendo lo chiuderemmo sotto chiave: come uno scrigno prezioso, custodisce infatti vizi e virtù di tutti. Parliamo del re della cucina, il frigorifero. Gelosi e attratti da quello che contiene, è in grado di preservare l’integrità di ciò che mangiamo quotidianamente, dai cibi golosi, i vizi, agli ingredienti più sani le virtù. In grado di rallentare la crescita dei batteri e la decomposizione degli alimenti, il più grande tra gli elettrodomestici casalinghi è soprattutto lo specchio di ciò che mangiamo. E quindi, assecondando le teorie di Feuerbach, filosofo tedesco tra i più influenti critici della religione ed esponente della sinistra hegeliana, anche di ciò che siamo.

Considerato per anni uno status symbol, oggi il frigorifero più che riflettere l’appartenenza a una particolare classe socio-economica è piuttosto il risultato del proprio stile di vita. Monoporzioni o multipack? Frutta, verdure, soia o latticini? A ciascun scompartimento corrisponde infatti un’abitudine: dalla colazione allo spuntino di mezzanotte tutto è ordinato (o disordinato) secondo necessità. Proprio l’organizzazione del cibo gioca, infatti, un ruolo cruciale nella conservazione del gusto e dei principi nutritivi. Se gli ortaggi e le erbe aromatiche, durano più a lungo quando sono posizionati in verticale, quindi nei ripiani dello sportello, per frutta e verdura vale la pena eliminare ogni involucro di plastica. Otterrete più spazio a disposizione e lascerete liberi gli alimenti da umidità e muffe.

Tra tutorial online e video su Youtube, i social si popolano di frigo rigogliosi e strutturati alla perfezione. Su Instagram sono numerosi gli account dedicati alla cura per la casa e alla gestione degli spazi in cucina. Ma il segreto per avere un frigorifero da invidia è soprattutto nel modello scelto tra quelli presenti sul mercato. Bisogna considerare innanzitutto lo spazio a disposizione, l’utilizzo che se ne fa e la classe di efficienza energetica.

Doppio sistema di refrigerazione, uno per il reparto frigorifero, l’altro per il freezer, ciascuno con funzionamento autonomo, e sistema brevettato per la purificazione dell’aria (la tecnologia che utilizza la Nasa per la conservazione degli alimenti nelle stazioni spaziali) che riduce i batteri, gli odori e la quantità di gas etilene che alcuni cibi contengono. Questo è il più grande frigorifero a tre porte del mondo: con ice maker, dispenser interno per l’acqua, dispone nel vano interno del frigo schede che riportano informazioni utili per il posizionamento e tempi di conservazione dei cibi.