Login

Register

Login

Register

 

La maggior parte dei quattro milioni di tonnellate di cacao consumati ogni anno in tutto il mondo è coltivata da piccoli agricoltori in Africa occidentale. Circa il 60 per cento di esso viene poi venduto a livello internazionale da tre principali aziende . “Da un lato, c’è il settore privato che guida la deforestazione” nelle regioni produttrici di cacao, ha detto la professoressa dell’Università di Victoria. “Ma il settore privato può anche essere l’istigatore di un uso sostenibile della terra”.

Il ricercatore : Carodenuto un ricercatore post – dottorato , insieme alla sua collega Janina Grabs, presso il Laboratorio di politica ambientale del Politecnico di Zurigo, vuole sapere come, e se, queste imprese possono guidare un cambiamento diffuso verso un’agricoltura sostenibile.

Quindi si sono chiesti : Le aziende possono rendere il cioccolato più sostenibile? Si stanno cercando vari modi per rendere il cibo più sostenibile in un luogo insolito, soprattutto per un luogo non molto sviluppato . Le fave passano poi tra gli intermediari lungo catene di approvvigionamento sempre più concentrate. Nel momento in cui raggiungono gli scaffali dei supermercati, oltre il 60% delle fave sarà controllato da tre società internazionali di prodotti di base, ha detto.

Questo crea una struttura a “clessidra”, ha detto. Ci sono molti agricoltori ad un’estremità e molti consumatori di cioccolato all’altra, ma sono collegati solo da alcune grandi aziende. È una struttura replicata nella maggior parte delle catene di approvvigionamento delle materie prime, dal caffè al mais. Spesso, le stesse società commerciali gestiscono diverse materie prime contemporaneamente. Per esempio, l’azienda statunitense Cargill, commercia cacao, carne di manzo, frutti di mare e diverse altre colture di materie prime.

Questa concentrazione dà a queste aziende un enorme potere su tutto, dai prezzi alla produzione, alle tecniche agricole, ai prezzi pagati dai consumatori. Per Carodenuto, questo potrebbe essere un modo per incoraggiare pratiche di coltivazione del cacao più sostenibili. “Pensando a come raggiungere questi milioni di piccoli agricoltori… i commercianti sono spesso un punto d’ingresso chiave, perché aggregano il prodotto e hanno un rapporto con l’agricoltore, spesso più del GOVERNO “, ha detto. Questa influenza è stata a lungo riconosciuta dai commercianti, e dai loro critici. Più di 20 anni fa, la diffusa preoccupazione per l’impatto ambientale e sociale della coltivazione industriale delle materie PRIME, ha stimolato la creazione di sistemi di certificazione di terzi, come Rainforest Alliance, UTZ Certified e Fairtrade.

I coltivatori di materie prime, compresi i coltivatori di cacao, devono soddisfare specifici standard ambientali, sociali ed economici per essere certificati. Storicamente, anche i governi hanno svolto un importante ruolo di supervisione. Dagli anni ’90, tuttavia, la loro influenza si è indebolita, poiché molti hanno adottato politiche orientate al libero scambio. Più di recente, tuttavia, i principali produttori e fabbricanti di cacao hanno iniziato a sviluppare i propri certificati di sostenibilità. Mondelez International, per esempio, ha introdotto il suo schema proprietario Cocoa Life nel 2012.

Questi sforzi hanno il potenziale per essere efficaci, ha detto. Per esempio, molti agricoltori non possono permettersi di passare a pratiche più sostenibili da soli. I commercianti potrebbero anche avere una responsabilità “etica” nell’offrire supporto finanziario e tecnico agli agricoltori a cui chiedono di soddisfare costosi requisiti di sostenibilità, ha detto.

Ma l’impatto di questi schemi aziendali rimane poco chiaro, ha detto Carodenuto. “Quello che stiamo vedendo è che i grandi commercianti stanno davvero dettando molti di questi programmi di sostenibilità. C’è un allontanamento dagli approcci di sostenibilità guidati dal governo e più verso gli sforzi del settore privato”, ha detto. Il settore privato è spesso, alla guida della deforestazione, ha notato. Con Grabs, stanno cercando di capire se queste iniziative di sostenibilità del settore privato funzionano davvero. “Abbiamo cercato di capire quali sono questi approcci di sostenibilità nella pratica. Cosa stanno effettivamente cercando di fare? Come si confrontano con gli approcci precedenti? Abbiamo trovato un’enorme lacuna nella conoscenza di ciò che i commercianti stanno effettivamente facendo”, ha detto.

E nello stesso tempo hanno un’enorme influenza sugli agricoltori e sui governi. Rimangono delle lacune su quanto efficacemente queste grandi aziende possano tracciare la sostenibilità delle loro fave. La maggior parte delle fave proviene da aree di approvvigionamento dove hanno rapporti diretti con gli agricoltori e un maggiore controllo sulle pratiche agricole.

Il resto, per alcune aziende, fino al 40%, proverrà da intermediari più piccoli, eliminando il controllo delle grandi aziende su come le fave sono state coltivate . “Stiamo guardando i commercianti da queste diversità di prospettive. Ci sono queste enormi aziende concentrate… ma c’è anche un ruolo importante per i commercianti che operano in modo informale e sotto meno controllo pubblico. C’è molta meno trasparenza su quello che stanno facendo, e questi sono alcuni dei protagonisti chiave in termini di sostenibilità”. Capire come integrare questi piccoli protagonisti nelle iniziative di sostenibilità, è anche la chiave, ha detto.

Con la loro ricerca agli inizi, Carodenuto e Grabs non hanno ancora risposte. Trovarle, tuttavia, è sempre più importante, se vogliamo rendere il cacao e altre materie prime più sostenibili, hanno detto. “Questa relazione tra gli agricoltori e i loro partner, è molto importante per le catene di approvvigionamento sostenibili”, ha detto Carodenuto. “È qui che entrano in gioco i commercianti, che di solito, sono il primo punto di contatto con gli agricoltori. In altre parole, forniscono molte speranze per raggiungere milioni di piccoli proprietari che hanno bisogno di sostegno per cambiare le loro pratiche agricole”.