Login

Register

Login

Register

 

Il Ratio Institute si avvale degli studenti e degli alunni della Presidio Graduate School per la ricerca sulla sostenibilità nell’industria alimentare. Attraverso la nostra partnership, siamo in grado di comunicare a un pubblico più ampio le migliori pratiche per impegnarsi con l’industria alimentare intorno alla sostenibilità.  I rivenditori alimentari, supermercati, drogherie di quartiere e minimarket, sono il nesso della produzione, distribuzione e consumo di cibo, e riuniscono i problemi più urgenti del nostro sistema alimentare. Hanno anche il maggior potenziale per poter guidare i cambiamenti per un futuro più sostenibile. L’industria alimentare al dettaglio è rimasta indietro nell’adattarsi alla realtà di fare affari nell’era del cambiamento climatico e delle preferenze dei consumatori che cambiano rapidamente.

Al Ratio Institute, ci dedichiamo nel processo di accelerare la sostenibilità e la redditività misurabili nella vendita al dettaglio di prodotti alimentari e abbiamo lavorato con più di 1.000 negozi di alimentari e 20 catene di alimentari per creare soluzioni di sostenibilità a livello di negozio e di impresa che riducano i costi, cambino le culture interne e migliorino le prestazioni generali.  Il COVID-19 ha rivelato i punti deboli della nostra catena di approvvigionamento alimentare, ha reso i consumatori più consapevoli sui problemi della catena di approvvigionamento e ha cambiato il modo in cui i clienti usano i negozi di alimentari. Secondo i dati dell’Associazione dell’industria alimentare, la pandemia ha fatto sì che molti consumatori abbiano cambiato il loro modo di fare acquisti nel 2020: il 40 per cento ha fatto acquisti in meno negozi, il 28 per cento ha fatto acquisti online e un 10 per cento ha smesso di andare nei negozi, secondo i dati della Food Industry Associetion. La vendita al dettaglio di prodotti alimentari ha risposto con un’innovazione accelerata in alcune parti del business, tra cui gli acquisti online e la consegna di generi alimentari, il processo di check-out e l’offerta di prodotti.

Ma l’industria è stata notoriamente lenta ad innovare in risposta ad altre tendenze di sostenibilità che influenzano il suo business. Qui sotto ci sono cinque tendenze principali che dovrebbero costringere i retailer alimentari a intraprendere azioni più aggressive per adattarsi a un mondo che cambia.

  1. Crescente consapevolezza del pubblico e requisiti normativi riguardanti il cambiamento climatico… Il pubblico è consapevole dell’impatto del cambiamento climatico sul nostro pianeta, e le abitudini di acquisto dei consumatori si stanno allineando con questa maggiore consapevolezza. In linea con questa tendenza, i requisiti normativi in evoluzione, volti a mitigare l’impatto delle operazioni sul cambiamento climatico, hanno un impatto diretto sulla vendita al dettaglio di prodotti alimentari. In primo piano in questa spinta normativa, ci sono i refrigeranti. I refrigeranti tradizionali, compresi gli Idro fluorocarburi (HFC), sono stati riconosciuti per decenni come responsabili di emissioni di gas serra migliaia di volte superiori al biossido di carbonio. Ora, i regolamenti del governo federale e 17 stati hanno emanato o stanno emanando leggi che mirano a eliminare gli HFC. I rivenditori alimentari devono anticipare la curva normativa e sviluppare una strategia per eliminare gradualmente gli HFC.

  1. La conversione dei sistemi di refrigerazione a refrigeranti naturali, compresi ammoniaca e biossido di carbonio, è una strategia collaudata per ridurre l’impronta di carbonio dei sistemi di refrigerazione al dettaglio. Il gruppo di vendita al dettaglio ALDI Sud si è convertito a sistemi di refrigerazione transcritici in 1.496 negozi in Europa, Stati Uniti e Australia, fornendo una tabella di marcia per il resto del settore per seguire l’esempio. L’industria alimentare al dettaglio è stata notoriamente lenta a innovare in risposta ad altre tendenze di sostenibilità che influenzano il suo business. Mentre alcune aziende specifiche hanno investito nell’efficienza energetica strategica o nell’energia pulita, l’industria alimentare al dettaglio non ha fatto i conti con il suo impatto sul cambiamento climatico. Data l’impronta di carbonio del settore dovuta al solo consumo di energia, c’è un’ampia opportunità di ridurre l’uso di energia e migliorare i suoi profitti.

  2. I consumatori vogliono sapere da dove viene il loro cibo e come viene prodotto ….Non è una novità per nessuno che i consumatori siano sempre più interessati agli alimenti sostenibili, come quelli biologici, del commercio equo e solidale, ai prodotti raccolti in modo sostenibile, come i frutti di mare, e ai cosiddetti alimenti “naturali”. E una recente ricerca mostra che gli acquirenti stanno mettendo i loro soldi dove sono le loro bocche. Questo segmento di mercato è cresciuto dal 14,3% al 16,6% delle vendite in dollari del CPG. Inoltre, più della metà della crescita nella categoria dei prodotti CPG è attribuita a prodotti commercializzati in modo sostenibile. Oltre a questo, i consumatori sono più consapevoli di come viene prodotto il loro cibo e dell’impatto ambientale e sociale della sua produzione.

Il settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari può sia soddisfare le preferenze di acquisto dei suoi clienti che guidare una produzione alimentare più sostenibile nella sua catena di approvvigionamento, creando linee guida per l’acquisto di prodotti a livello industriale e collaborando con le ONG che si concentrano su questi temi.

3 bis.   Crescente consapevolezza del ruolo della vendita al dettaglio di prodotti alimentari nella creazione (o prevenzione) degli sprechi alimentari ……I supermercati producono il 10% dei rifiuti alimentari negli Stati Uniti, e l’industria sta appena iniziando a fare un passo avanti in risposta ad affrontare il problema. Un rapporto del 2019 del Center for Biological Diversity sul percorso dei supermercati statunitensi verso lo spreco zero, ha valutato solo tre dei 10 principali rivenditori con una “A”, il che significa che hanno ottenuto un punteggio elevato su tre metriche: impegno per lo spreco zero; monitoraggio e trasparenza; e misure di prevenzione dei rifiuti.

Le organizzazioni e i programmi senza scopo di lucro stanno collaborando con la vendita al dettaglio di prodotti alimentari per ridurre lo spreco di cibo, mentre altri stanno implementando i propri programmi interni.  L’iniziativa 10X20X30 mira a dimezzare la perdita e lo spreco di cibo entro il 2030, lavorando con 10 top retailer e i loro fornitori : Sodexo, Tesco e Walmart sono stati tra i suoi partner fondatori. Kroger ha fondato la Zero Hunger/Zero Waste Foundation, mentre rivenditori come Walmart hanno lavorato per chiarire le date di scadenza sulle etichette e ridurre il deterioramento dal campo allo scaffale. Inoltre, altri rivenditori hanno approfittato dei prodotti brutti o imperfetti (che prima sarebbero stati buttati via) per venderli con uno sconto. Perché i rivenditori dovrebbero prestare più attenzione a questi programmi? Uno, prevenire lo spreco di cibo può ridurre il peso della produzione di cibo sulla terra e sulle risorse idriche e aiutare ad alleviare la fame nelle loro comunità immediate; due, per anticipare la crescente pressione normativa, per evitare che i grandi generatori di rifiuti alimentari li mandino in discarica; e tre, perché fa bene alla linea di fondo.

  4. Crescente consapevolezza del problema dei rifiuti …..Insieme allo spreco di cibo, i consumatori sono sempre più interessati al problema dei rifiuti globali e fanno domande su chi sono i maggiori colpevoli. I viaggi settimanali al negozio di alimentari mettono gli imballaggi di plastica e i sacchetti monouso in primo piano nella coscienza pubblica, evidenziando il ruolo che i rivenditori di cibo giocano nell’affrontare il problema dei rifiuti ad ogni visita. Seguendo l’esempio della California, otto stati vietano effettivamente i sacchetti di plastica o i sacchetti monouso non biodegradabili. In altri stati, le contee e le città hanno adottato l’approccio di imporre una tassa per ogni sacchetto di plastica. Mentre molti paesi hanno messo al bando i sacchetti di plastica, gli Stati Uniti non si sono ancora mossi per farlo. I viaggi settimanali al negozio di alimentari mettono gli imballaggi di plastica e i sacchetti monouso in primo piano nella coscienza del pubblico, evidenziando il ruolo che i rivenditori di cibo giocano nell’affrontare i rifiuti ad ogni visita. Il settore alimentare è anche fortemente dipendente dagli imballaggi di plastica monouso, in particolare nel caso dei beni di consumo confezionati (CPG) venduti nei negozi. I consumatori sono molto preoccupati per l’impatto ambientale degli imballaggi di plastica, anche se danno la priorità alla convenienza e alla qualità. ONG ,come Break Free from Plastic, stanno facendo pressione sull’industria per scegliere imballaggi alternativi per i cibi preparati e per indurre i produttori di beni di consumo a fare lo stesso. Il settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari può prendere una posizione più forte lavorando direttamente con i produttori di beni di consumo per usare meno imballaggi di plastica sui prodotti di consumo.

5 . Il COVID-19 ha amplificato le disuguaglianze sociali tra i lavoratori del sistema alimentare di prima linea… La pandemia ha esacerbato le disuguaglianze esistenti lungo le linee razziali e di reddito. I tassi di esposizione e di morte sono stati particolarmente alti tra le comunità di colore rispetto alla popolazione complessiva, in parte perché i lavoratori in prima linea sono sproporzionatamente persone di colore. Queste sono le persone che sono alla base del nostro sistema alimentare, che lavorano per raccogliere, elaborare, distribuire e sì, vendere il nostro cibo alla cassa del negozio di alimentari. All’inizio della pandemia, i lavoratori delle drogherie non hanno ricevuto le protezioni di cui avevano bisogno, e da allora, non c’è stata una mossa universale per trattarli come lavoratori di prima linea con tutte le protezioni che questo comporterebbe.

Alcuni rivenditori, tra cui Whole Foods e Walmart, hanno iniziato a istituire requisiti obbligatori per le maschere prima che gli stati e il CDC emettessero linee guida per le operazioni al dettaglio. Tendenze simili sono state viste nelle operazioni di raccolta dei prodotti e negli impianti di lavorazione della carne. L’industria può lavorare con i suoi fornitori per assicurare che i raccoglitori e i lavoratori degli impianti di lavorazione siano protetti dove lavorano. L’industria ha introdotto pratiche di disinfezione avanzate per proteggere i lavoratori e i clienti all’interno del negozio, e questo ha creato tensione con il suo mandato di ridurre l’uso di sostanze chimiche dannose nelle operazioni. La perdita di posti di lavoro a causa della pandemia ha anche avuto un effetto enorme sui lavoratori dell’industria dei servizi, dato che ristoranti, negozi al dettaglio e attività di servizio hanno chiuso, aggravando i problemi di accesso al cibo esistenti nelle comunità in cui vivono questi lavoratori.

La vendita al dettaglio di prodotti alimentari può giocare un ruolo nell’aiutare queste comunità creando o espandendo programmi per migliorare l’accesso a cibi sani nelle comunità locali. E adesso? La buona notizia è che la gente sta pensando a come far sì che la vendita al dettaglio di prodotti alimentari diventi un leader nella gestione ambientale e sociale. Catene alimentari come Wegmans, H-E-B e Metro stanno investendo in programmi innovativi.

Anche le organizzazioni senza scopo di lucro e le coalizioni, tra cui la Coalizione d’azione sugli sprechi alimentari del Consumer Goods Forum e la Food Chain Workers Alliance, stanno sorgendo per soddisfare la necessità di portare avanti il settore. Organizzazioni come il Ratio Institute, fondato per guidare la sostenibilità e l’eccellenza operativa nella vendita al dettaglio di prodotti alimentari, sono partner preziosi che possono offrire intuizioni e strumenti ai rivenditori per fare il salto. Infine, i singoli consumatori possono avere un impatto imparando di più sulle misure di sostenibilità che i rivenditori stanno adottando, e scegliendo rivenditori, marchi e prodotti che si allineano con i loro valori personali.