Login

Register

Login

Register

 

I principali supermercati del Regno Unito sono in trattative per provare la tecnologia di stima dell’età come parte di un programma governativo che inizia più tardi quest’anno.

Yoti, una piattaforma di identità digitale utilizzata dal NHS, Post Office, Virgin Atlantic e il governo del Jersey, ha sviluppato una tecnologia di stima dell’età che sostiene essere la più accurata al mondo. Il Ministero dell’Interno ha invitato rivenditori, bar e ristoranti a proporre metodi digitali per controllare l’età dei clienti durante l’acquisto di alcolici in un progetto pilota lanciato il mese scorso, nella speranza di iniziare le prove nei negozi in estate.

L’analisi facciale, che non è la stessa cosa del riconoscimento facciale , è solo una delle tecnologie che i rivenditori potrebbero adottare più ampiamente per reprimere le aggressioni e gli abusi diretti al personale umano, dato che rifiutare l’alcol ai clienti minorenni è un motivo spesso citato per minacce e abusi, secondo il British Retail Consortium.

Yoti è in trattative con i 10 maggiori rivenditori del Regno Unito e un certo numero di negozi di e-commerce e presto arriverà in Italia; per fornire il loro software nelle casse automatiche per le prove di “sandbox alcolici”, che richiedono ai richiedenti di lavorare con le loro autorità locali che si occupano del controllo della licenza, per garantire che i piloti siano sia sicuri e nello stesso tempo legali, secondo John Abbott, chief business officer della società.

Il sistema di Yoti permette ai clienti di scegliere: tra l’utilizzo della tecnologia di stima dell’età, provando la loro età tramite l’applicazione per smartphone di Yoti oppure optare per un assistente umano . Mentre il sig. Abbott non si è espresso sui dettaglianti partecipanti, Yoti è partner di NCR, una società americana che produce casse automatiche utilizzate da Tesco, Sainsbury’s, Asda e Morrisons, tra gli altri. Quando gli è stato chiesto se Yoti ha pianificato che la sua tecnologia venga sperimentata nella maggior parte dei supermercati del Regno Unito quest’anno, lui ha spiegato che “spera con tutto il cuore che ciò accada”, anche se ha sottolineato che dipenderà dal rivenditore, dalla polizia e dall’autorità locale.

Invece andiamo a vedere come funziona la tecnologia di Yoti : I clienti che comprano alcolici nei supermercati utilizzando le casse automatiche che supportano la tecnologia di stima dell’età di Yoti durante le prove, possono acconsentire alla telecamera incorporata nella cassa che analizza il loro volto per confermare che hanno più di una certa età. Mentre i rivenditori, possono determinare l’età, infatti il Retail of Alcohol Standards Group, richiede ai rivenditori di controllare se i clienti abbiano 25 anni o più. Il sistema di analisi facciale di Yoti, che non può collegare un volto a un’identità, utilizza un algoritmo AI-powered addestrato per controllare l’età dei volti con una precisione media di 2,2 anni, che sale a un anno e mezzo tra i più giovani dai 16 ai 20 anni. Se il cliente è d’accordo, la cassa scatta una foto del suo viso, e il software lavora per approssimare la loro età e subito dopo l’immagine viene automaticamente cancellata.

Yoti sostiene che l’unico dato condiviso con il rivenditore è il controllo dell’età e che un umano non vedrà mai la foto. Se il sistema determina che il cliente sembra più giovane dell’età stabilita, ha la possibilità di condividere la sua data di nascita in modo anonimo con il sistema tramite l’applicazione per smartphone di Yoti, scansionando un codice QR sullo schermo del terminale. In alternativa, i clienti possono aspettare l’approvazione del negozio da parte di un assistente umano. Yoti spera di fornire personale extra quando le prove andranno in funzione “per sostenere i clienti nel loro viaggio”. “Stiamo lavorando a tempo pieno su questo al momento e mentre non posso dire chi andrà per primo, abbiamo avuto alcune buone conversazioni con i nostri partner con cui abbiamo lavorato negli ultimi cinque anni”, ha riferito.

Infine un portavoce di Sainsbury ha anche confermato che questa tecnologia è qualcosa che l’azienda stava aspettando e sperando di avere. E continua a dire : è un po’ troppo presto per noi per dire quale potrebbe essere il nostro coinvolgimento”. Un portavoce di Waitrose ha detto: “Non abbiamo alcun piano immediato quest’anno per introdurre la tecnologia di verifica dell’età, ma stiamo monitorando gli sviluppi nel settore”.

Yoti ha tenuto prove con due dei quattro grandi supermercati (Asda, Tesco, Morrisons e Sainsburys) “a porte chiuse” nel 2017, e aveva un pilota pubblico pianificato con un “importante rivenditore britannico” per il 2020 , che è stato rimandato a causa della pandemia. Allo stesso modo, una prova su larga scala con un importante cliente statunitense ha funzionato con successo fino a quando non è stato costretto a chiudere a causa della pandemia anch’esso .

Andiamo adesso a parlare della privacy….. I piloti dell’Home Office sono una buona opportunità per Yoti di mostrare come l’analisi facciale può essere distribuita in un modo etico, completamente inclusivo che preserva la privacy, ha detto il signor Abbott.  “Sbagliare come un business nel nostro settore è abbastanza terminale, quindi abbiamo investito enormemente nel rendere questo un servizio di livello governativo che impedisce la condivisione non necessaria di informazioni e non crea archivi di dati sull’età delle persone”, ha aggiunto.

Mentre le prove dell’Home Office richiederanno come al solito la verifica dell’età dei partecipanti da parte degli esseri umani, oltre alla tecnologia per rispettare la legge attuale, molti rivenditori stanno spingendo da anni per una più ampia adozione di sistemi di verifica digitale dell’età, secondo il British Retail Consortium (BRC), l’associazione commerciale per tutti i rivenditori del Regno Unito.

Il vantaggio principale dal punto di vista del rivenditore è che questo tipo di sistemi porta a meno aggressioni e abusi verso i lavoratori del supermercato, quando ai minorenni viene rifiutato l’alcol”, ha detto a i un portavoce di BRC.   “Sentono che è una macchina che dice ‘non puoi comprare questo‘ piuttosto che un addetto al negozio.  “Noi pensiamo anche che quando il personale del negozio sta assuma un obbligo legale, dovrebbe avere qualche protezione in più. Sembra ingiusto non dare loro il massimo supporto possibile per scoraggiare il problema della violenza”.  Ogni giorno più di 400 dipendenti del commercio al dettaglio sono attaccati, minacciati o abusati nel loro posto di lavoro, con la sfida ai giovani ad esibire la carta d’identità…. un motivo comune di abuso.

Due terzi dei rivenditori intervistati dal BRC a febbraio hanno detto che c’era stato un aumento del numero di incidenti di violenza fisica contro il personale durante l’attuale blocco.   “I rivenditori hanno spinto per la tecnologia di verifica dell’età per anni perché è utile, più economico e più facile di un umano che controlla l’età di una persona“, ha aggiunto il portavoce.  “Queste prove sono cose da fare in punta di piedi, non c’è garanzia che qualcosa sarà implementato, ma quello che tutti cercano è uno standard comune che sia amministrato in modo indipendente e per il quale ogni azienda tecnologica può costruire, purché soddisfi lo standard”.

Adesso andiamo a vedere il funzionamento nei supermercati…. “ La tecnologia di stima dell’età e di analisi facciale di Yoti è la più accurata” riferisce Tony Allen, presidente del gruppo di esperti sulle restrizioni di età presso l’Ufficio per la sicurezza e gli standard dei prodotti, che ha collaborato con l’Home Office per lo schema, e amministratore delegato di Age Check Certification Scheme.  “Le grandi compagnie di vendita al dettaglio stanno tutte guardando la tecnologia di verifica dell’età molto attentamente”, ha aggiunto . “Abbiamo avuto molte discussioni con loro. Ci si può aspettare che i primi 10 supermercati eseguiranno una sorta di prova nelle loro aziende ed alcuni di loro potrebbero anche eseguire più prove di diverse tecnologie in luoghi diversi.  “Tutte queste prove servono a scoprire come reagiscono i clienti, come reagiscono a cose come la scansione del viso, alcuni potrebbero non volerlo, e in questo caso i supermercati non faranno cose che non piacciono ai loro clienti”.

Alcuni rivenditori potrebbero essere stati riluttanti ad abbracciare la verifica dell’età e l’analisi facciale così rapidamente, come alcune persone nella loro organizzazione avrebbero voluto a causa delle preoccupazioni, che paragonano il software al controverso riconoscimento facciale, ha detto il signor Abbott.  “Non perché non capissero come funziona, ma solo perché non volevano essere coinvolti in quella sorta di disaccordo”, ha spiegato.  “Investiamo molto tempo nel differenziare tra la stima anonima dell’età e il riconoscimento facciale. Mi rendo perfettamente conto che per Joe Public questo può essere difficile pensare che quando si guarda la faccia di qualcuno, il feedback e l’impegno con questo è fondamentale“.  “Abbiamo anche una frase coniata per ricordarcelo: ‘Yoti dimentica sempre una faccia‘. Questa non è una sorveglianza di massa, non c’è un furgone all’esterno con un grande satellite che gira in cima. Nonostante tutte le sperimentazioni negli Stati Uniti per quattro mesi, non sono mancate le preoccupazioni.

Una volta che la prima ondata di rivenditori sarà in funzione, penso che ci sarà molta più fiducia nel tentare di spiegare la differenza tra analisi facciale e riconoscimento, senza dover rendere il mostrare la faccia una parolaccia.”  “La sandbox dell’alcol non riguarda la sperimentazione di qualsiasi tipo di tecnologia di riconoscimento facciale”, ha detto a i Stuart Craig-Lau, Alcohol Policy Manager dell’Home Office. “Si tratta della stima dell’età per la vendita di alcolici, nessun’altra informazione su un individuo sarà disponibile attraverso l’uso di questa tecnologia”.

Questa sandbox fornisce un’opportunità per gli standard industriali approvati dall’Age Check Certification Service , cioè di essere testati in un ambiente piccolo e controllato come parte del processo di sviluppo, prima che l’approvazione finale sia richiesta dal British Standards Institute. “Questo fornirà la fiducia che le protezioni sufficienti per le informazioni personali, sono in atto quando la tecnologia viene utilizzata per scopi di garanzia dell’età”.