Login

Register

Login

Register

 

Acquistate frutta fresca al mercato degli agricoltori, allo stand sulla strada o al negozio di alimentari e la portate a casa; ora dovete decidere dove e come conservarla. Devono essere conservati in frigorifero o sul piano di lavoro? Sappiamo che secondo le linee guida dietetiche , si raccomanda di mangiare tra un pasto e l’altro 2 porzioni di frutta ogni giorno, a seconda dell’età e del livello di attività. Se non li conserviamo correttamente, come facciamo a mantenere il massimo del sapore senza doverli buttare via?

La frutta fresca acquistata nei mercati contadini e nelle bancarelle lungo la strada viene raccolta fresca ed è pronta da consumare dopo l’acquisto. Tuttavia, quelli acquistati dal negozio di alimentari sono probabilmente raccolti prima che siano completamente maturi e spediti al negozio in modo che possano sopravvivere al processo di spedizione.

Quindi cosa dovrei tenere sul bancone? Ci sono alcuni frutti che continueranno a maturare e non dovrebbero essere conservati in frigorifero finché non sono maturi. Se vengono messi in frigo prima che siano maturi, potrebbero perdere sapore e avere una consistenza farinosa. Questi frutti includono: Albicocca, avocado, banane, kiwi, mango, nettarine, pesche, pere, ananas, prugne e pomodori.

Come posso accelerare la maturazione? Se vuoi accelerare il processo di maturazione, puoi mettere la frutta in un unico strato in un grande sacchetto di carta, piegare la parte superiore verso il basso e controllare ogni giorno per vedere se è maturata. Una volta maturato completamente può essere mangiato e il resto può essere messo in frigo per sicurezza. Cosa devo conservare in frigorifero? Alcuni frutti sono estremamente deperibili e devono essere messi in frigo appena portati a casa. Questi frutti non continueranno a maturare dopo essere stati raccolti. Non lasciateli sul bancone a temperatura ambiente perché accelerano il processo di decomposizione. Questi frutti delicati includono: La maggior parte delle bacche, more, mirtilli, mirtilli rossi, lamponi e fragole; ciliegie, uva, melograni, rabarbaro e mandarini. Alcuni frutti possono essere conservati sul bancone o in frigorifero. Ci sono alcuni frutti poi che non hanno una preferenza su dove vengono conservati e possono essere lasciati a temperatura ambiente o conservati in frigorifero senza alcun danno per la qualità o il gusto del frutto.

Questi frutti non maturano dopo la raccolta. Sono quelli che potreste conservare in un cesto di frutta sul bancone. Includono: mele, clementine, limoni, lime, arance e anguria. Un altro consiglio è quello di sciacquare sempre bene la frutta e le verdure fresche, prima di preparare o mangiarla, sciacquala sotto acqua corrente pulita; strofina la frutta con le mani o con una spazzola per rimuovere lo sporco e i microrganismi superficiali. Asciugare con un panno pulito o un tovagliolo di carta dopo il risciacquo. Una volta che la frutta viene tagliata, deve essere conservata immediatamente in frigorifero per motivi di sicurezza alimentare. Questo include la frutta acquistata al negozio che è pre-tagliata o sbucciata. Una volta tagliata o sbucciata, deve essere conservata in frigorifero entro 2 ore. Se viene lasciata a temperatura ambiente per più di 2 ore, buttala via.

Quando comprate la frutta, cercate quella senza ammaccature, tagli o bucce strappate, perché questo può far sì che si rovinino più velocemente. Quelli che sono eccessivamente morbidi sono alla fine della loro vita. La frutta deve essere soda, ma non dura come una roccia. Tieni sempre la frutta separata dalla carne cruda, dal pollame e dai frutti di mare durante la spesa, la preparazione o la conservazione. Non si vuole rischiare la contaminazione incrociata della frutta, dato che probabilmente non sarà cotta.