Login

Register

Login

Register

 

L’EPA ha fatto dei passi questa settimana per ridurre drasticamente l’uso degli idro fluorocarburi, una mossa che alla fine rimodellerà l’industria alimentare. Questa settimana l’Environmental Protection Agency (EPA) quindi ha fatto il primo passo per ridurre gradualmente l’uso di idro fluorocarburi, o HFC, refrigeranti comuni, che sono anche gas serra migliaia di volte più potenti del biossido di carbonio. È un passo significativo verso la riduzione dell’importazione e della produzione di HFC dell’85% nei prossimi dieci anni e mezzo, come richiesto dall’American Innovation and Manufacturing Act del 2020.

“Il principale risultato della notizia di questa settimana è che, questo cosa sta davvero accadendo”, riferisce Mark McLinden, un ingegnere chimico del National Institute of Standards and Technology che studia i refrigeranti. “L’EPA sta definendo come ci arriveremo”. Questa non è la prima volta che i refrigeranti hanno dovuto essere sostituiti perché fanno male all’ambiente. I primi refrigeranti ampiamente utilizzati, i clorofluorocarburi (CFC), comunemente noti con il nome commerciale Freon, e gli idro clorofluorocarburi (HCFC), sono stati poi scoperti essere dannosi per l’ozono. Nel 1987, gli Stati Uniti e altri 196 paesi hanno accettato di eliminarli gradualmente come parte del Protocollo di Montreal, un trattato internazionale progettato per proteggere lo strato di ozono eliminando gradualmente la produzione di numerose sostanze. I CFC sono illegali in questo paese dal 2005, e gli HCFC sono in fase di eliminazione prima di un divieto completo entro il 2030.

Anche se gli HFC sono usati in molte applicazioni diverse come i condizionatori d’aria, i supermercati sono uno dei peggiori colpevoli quando si tratta di disperdere questi gas nell’atmosfera. Ma gli HFC, i sostituti dei CFC e degli HCFC, hanno dimostrato di avere dei lati negativi, con un potenziale di riscaldamento globale (GWP) migliaia di volte superiore al biossido di carbonio. Il protocollo di Montreal è stato modificato nel 2016, con un emendamento che impone una riduzione di circa l’80% dei CFC entro il 2045. Anche se gli Stati Uniti devono ancora ratificare l’emendamento di Kigali, il presidente Biden ha dichiarato l’intenzione di farlo. La regola proposta questa settimana dall’EPA imposta gli Stati Uniti questa regola per raggiungere quell’obiettivo.

McLinden inoltre spiega che i refrigeranti in genere , devono essere fatti circolare in un negozio, nelle casse dei latticini, nella corsia dei congelatori, ecc. ; il che comporta chilometri di tubature, molte giunzioni e troppe opportunità per lo sviluppo di perdite. Come The Counter ha riportato nel 2019, Southeastern Grocers Inc. (la società madre di Winn Dixie, Bi-Lo, e diverse altre catene di supermercati) , è stata schiaffeggiata con un conto stimato di 4,2 milioni di dollari come parte di un accordo con il Dipartimento di Giustizia e l’EPA per affrontare le perdite persistenti per quanto riguarda i refrigeratori. In quel caso, i refrigeranti erano della varietà che distruggevano l’ozono.