Login

Register

Login

Register

 

Un nuovo strumento digitale potrebbe aiutare a portare e far aprire più supermercati nel sud del Dallas per combattere l’insicurezza alimentare. Lo strumento aiuta a identificare le comunità a basso reddito dove i supermercati sono necessari. È stato sviluppato dal ricercatore locale Edward Rincón in collaborazione con Chetan Tewawi, un professore associato alla University of North Texas. “A differenza di un tradizionale studio di localizzazione che identifica i luoghi adatti per il posizionamento di nuove strutture, questo studio si concentra sullo sviluppo di una nuova metrica per stimare i modelli spaziali della domanda di spesa alimentare per portare il cibo a casa”, ha scritto Rincón nello studio, “Demand Metrics for Supermarket Site Selection: A Case Study“, pubblicato in aprile nella rivista Papers in Applied Geography.

Rincón è presidente della Rincón & Associates LLC, una società di ricerche di mercato con sede a Dallas. La nuova metrica e il nuovo strumento, chiamato Urban Site Selection, è disponibile gratuitamente per le comunità del Texas e per coloro che sono interessati a investire in un supermercato nello stato. Rincón sostiene che le grandi catene di negozi stanno partecipando, consciamente o inconsciamente, a un tipo di redlining, in cui certe aree con bassi redditi o alti tassi di criminalità sono discriminate. Urban Site Selection è stato recentemente utilizzato dalla Cornerstone Baptist Church per aprire e gestire il Southpoint Community Market a South Dallas. Chris Simmons, pastore di Cornerstone e co-fondatore della drogheria Southpoint, ha detto che la prova che un negozio di alimenti freschi era necessario in quella comunità è stata fornita in parte, da questo strumento digitale .

Lo strumento “ha fornito prove non solo sulla potenziale domanda di un negozio di alimentari per la comunità locale a South Dallas, ma che, se gestito secondo le migliori pratiche, potrebbe essere redditizio“, ha detto Simmons.

Nello studio, Rincón fornisce un profilo economico per ogni codice postale del Texas con il reddito totale aggregato e include anche le spese totali per il “cibo a casa” e i benefici ottenuti attraverso il Supplemental Nutrition Assistance Program, o SNAP, che può essere usato per comprare cibo nei supermercati. Altre tattiche usate a Dallas per combattere l’insicurezza alimentare includono: giardini comunitari, banche alimentari e frigoriferi comunitari. Questi sforzi creativi, secondo Rincón, sono importanti, poiché “i marchi di supermercati riconosceranno che le loro strategie di selezione del sito altamente selettive rafforzano anche le pratiche di redlining, intenzionali o meno e non possono essere giustificate con le prove disponibili.

Una coalizione che cerca di sradicare i deserti alimentari locali è la Dallas Coalition for Hunger Solutions. Fondata nel 2012 attraverso la Texas Hunger Initiative della Baylor Collaborative on Hunger and Poverty, la coalizione cerca di dare alle persone il potere di ottenere un accesso equo al cibo nutriente, secondo il suo sito web. Wyonella Henderson-Greene, coordinatrice della Dallas Coalition for Hunger Solutions, pensa che la mancanza di investimenti nel sud di Dallas non sia solo da parte dei supermercati, ma dalle aziende in generale che preferiscono stabilirsi nelle città del nord dell’area metropolitana. “È razzismo, razzismo sistematico“, ha detto Henderson-Greene.

“O vuoi investire in una metà della città o non vuoi”. Henderson-Greene ha citato come esempio di questa mancanza di investimenti il sud di Oak Cliff, i cui residenti spendono i loro guadagni e i benefici SNAP in cibo ma sono costretti a farlo in altre parti della città.

La gente spenderà i suoi soldi in cibo da qualche parte. “Ci sono milioni di dollari che lasciano Oak Cliff ogni mese per fare acquisti in altre parti della città”, ha detto Henderson-Greene. “Perché la gente non investirebbe nella zona, se non fosse per pregiudizi culturali, etnici o di altro tipo?” Diverse organizzazioni cercano di combattere i deserti alimentari e ridurre l’insicurezza alimentare a Dallas. Puoi controllare i loro siti web e i social media per gli eventi, compresa la raccolta e la distribuzione di cibo.