fbpx

 

L’Australia ha sperimentato molte carenze nei supermercati da quando è iniziata la pandemia di COVID. La crisi emergente ora è un po’ diversa. Nel 2020 e nel 2021, gli scaffali vuoti erano dovuti a picchi di domanda, dato che gli acquirenti rispondevano ai blocchi comprando più carta igienica, pasta e altri beni di consumo. Questo ha sconvolto i soliti ritmi delle catene di approvvigionamento prevedibili. A parte la prima ondata nel marzo 2020, le carenze erano localizzate.

Ora le carenze sono dovute a problemi di approvvigionamento, e si verificano (quasi) a livello nazionale. Mentre le infezioni di Omicron aumentano in ogni stato, a parte l’Australia Occidentale, le catene di approvvigionamento sono paralizzate dall’enorme numero di lavoratori dei trasporti, della distribuzione e dei negozi ora malati o costretti all’isolamento. Il problema principale ora è nel trasporto e nella distribuzione. Il sindacato dei lavoratori dei trasporti dice che da un terzo alla metà degli autisti di camion australiani sono senza lavoro.

L’amministratore delegato di Woolworths, Brad Banducci, ha detto venerdì che più del 20% del personale dei centri di distribuzione e più del 10% dei lavoratori dei negozi sono assenti. Ci sono anche problemi nella produzione, in particolare nella lavorazione della carne, un’industria incline alla diffusione del COVID-19. Centinaia di lavoratori nei mattatoi degli stati orientali sono senza lavoro, secondo il capo esecutivo del Meat Industry Council, Patrick Hutchinson.

Egli ha avvertito di gravi carenze entro poche settimane a causa della mancanza di test antigenici rapidi. Una crisi che si autoavvera sempre più. Poi, naturalmente, c’è la risposta degli acquirenti alla carenza (o all’aspettativa di carenza). Abbiamo visto come funziona più volte: i prodotti spariscono dagli scaffali, la gente compra di più in risposta. La paura della penuria diventa una profezia che si autoavvera. Coles ha già imposto limiti di acquisto su certi articoli di carne e ha avvertito i clienti di aspettarsi carenze per tutto gennaio.

Woolworths e ALDI non l’hanno fatto (a parte i limiti sui test antigenici rapidi difficili da ottenere). Ma potrebbero essere costretti a farlo. Questo dipende soprattutto da cosa succede nelle prossime settimane nel NSW, che gioca un ruolo importante nella logistica nazionale degli alimentari e dove le infezioni da COVID-19 stanno aumentando. Quindi cosa fare?

Apri il tuo congelatore e vai nella tua dispensa. Hai tre settimane di provviste essenziali? Carne macinata, pasta, riso, farina, fagioli, carta igienica? Tutte le crisi di approvvigionamento dei supermercati australiani sono state affrontate in meno di tre settimane. Non c’è davvero bisogno di più di questo. Se non avete una scorta di tre settimane, se non volete rifornirvi, fatelo. Se non ora , perché c’è una carenza, allora nella prossima occasione.

Non si tratta di comprare in preda al panico o di fare incetta. Non è questione di comprare un anno di carta igienica o cibo in scatola. Basta averne sempre a sufficienza in modo da poter essere tranquilli la prossima volta. La pandemia ha messo a nudo la fragilità della gestione della catena di fornitura just-in-time, che per decenni ha ridotto al minimo la quantità di scorte detenute da produttori, grossisti e dettaglianti. Questo andava bene per massimizzare i profitti in tempi buoni. Ora i tempi richiedono un approccio più “just-in-case”, con abbastanza flessibilità per evitare che il sistema crolli in caso di crisi.

I supermercati hanno già fatto dei cambiamenti per evitare il ripetersi delle crisi di approvvigionamento del 2020 e 2021, tenendo più scorte a portata di mano. Ma questo da solo non può risolvere il problema. Il business dei generi alimentari è competitivo. Lo spazio sul pavimento e nelle celle frigorifere è limitato. Non possono permettersi di fare scorte eccessive. Quello che possono fare è passare a un sistema più decentralizzato per limitare le quantità di articoli che i clienti possono acquistare quando si verificano carenze.

Ogni negozio può calcolare livelli di stock di sicurezza per proteggersi dalle fluttuazioni della catena di fornitura. Quando un articolo sta per mancare dagli scaffali, non dovrebbero aspettare una decisione dall’ufficio centrale per limitare le quantità. Dovrebbero essere in grado di farlo sul posto, mentre la sede centrale elabora delle alternative. Quando il problema non è la mancanza di inventario ma l’insufficienza di personale per spostare i prodotti dai magazzini ai negozi, la soluzione è la visibilità, far sapere ai consumatori che c’è carenza di personale, che c’è un prodotto più che sufficiente in arrivo non appena la logistica lo permette, e che altri negozi sono meglio forniti.

È improbabile che ogni negozio sia colpito allo stesso modo dalla carenza di manodopera nello stesso momento. Immaginate di evolvere fino al punto in cui un negozio Coles con gli scaffali vuoti informi gli acquirenti che il prodotto è disponibile a due isolati di distanza all’IGA. Perché questo accada, naturalmente, è necessaria la cooperazione tra i concorrenti, e quindi un allentamento delle solite regole anti-cartello che proibiscono espressamente la collusione. Ma c’è un chiaro precedente per questo.

Nell’aprile 2020 la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori ha dato l’autorizzazione temporanea a telcos, banche, fornitori di medicinali e supermercati a collaborare per garantire la fornitura di beni e servizi essenziali. C’è un chiaro motivo per i supermercati di collaborare ora e per il prossimo futuro, con l’Australian Retailers Association che si aspetta che i problemi della catena di approvvigionamento continuino per almeno 12 mesi.

Sia il governo federale che quello statale possono aiutare a stabilire le regole d’ingaggio, e fornire informazioni accurate e azionabili per dare la giusta dimensione al problema. Hanno, per esempio, i dati delle decisioni passate, come l’effetto delle restrizioni di Victoria sui mattatoi nel 2020. Se tutti sono pronti, facendo quello che possono, potremmo raggiungere una cultura della resilienza in Australia dove gli scaffali vuoti nei supermercati non sono che un amaro ricordo.