fbpx

 

La catena di approvvigionamento globale è lenta, ma la ricaduta economica dell’invasione dell’Ucraina sta rapidamente aumentando i prezzi per i produttori e i consumatori di tutto il mondo.

L’invasione russa dell’Ucraina ha posto le basi per un più rapido aumento dei prezzi al consumo, con il caos della guerra che fa aumentare i costi di produzione di cibo, beni di consumo e macchinari in luoghi lontani dal campo di battaglia. Il conflitto sta stressando una catena di approvvigionamento globale già tesa, e il suo impatto economico sarà probabilmente sentito nelle famiglie di tutto il mondo, nei supermercati, nei dettaglianti e alla pompa di benzina. Mentre i costi più alti richiederanno tempo per farsi strada dai produttori ai consumatori, i dirigenti e gli analisti si aspettano che le conseguenze della guerra peggiorino l’inflazione, già alimentata dalla carenza di beni e lavoratori.

“Sembra che stia mettendo in ombra tutto ora e invertendo il miglioramento che stavamo vedendo”, ha detto Kathy Bostjancic, capo economista degli Stati Uniti alla Oxford Economics. Le conseguenze a breve termine sono state gravi. I mercati del grano hanno recentemente raggiunto un massimo di 14 anni in previsione di una diminuzione del raccolto in Ucraina, che aumenterebbe i costi per nutrire il bestiame e il pollame del mondo. I prezzi dell’alluminio sono aumentati in previsione delle sanzioni sulla Russia, uno dei principali fornitori del metallo usato nelle lattine di soda, negli aerei e nelle costruzioni, così come sui timori che Mosca potrebbe bloccare le esportazioni.

I prezzi del greggio sono saliti del 25% la scorsa settimana, a più di 118 dollari al barile, il livello più alto dal 2013. I prezzi della benzina sono saliti in media di 43,7 centesimi al gallone negli Stati Uniti, secondo i dati del price tracker GasBuddy. Domenica, la media nazionale era di 4,02 dollari al gallone, secondo GasBuddy. Venerdì, la Russia, uno dei maggiori fornitori al mondo di fertilizzanti come l’azoto, ha detto che potrebbe sospendere le esportazioni. Gli agricoltori e i consumatori sopporteranno il costo di qualsiasi carenza prolungata.

Ingka Group, che possiede e gestisce i negozi del gigante dell’arredamento IKEA, ha anche riferito che i prezzi sarebbero aumentati più del previsto quest’anno dopo aver avvertito che la guerra in Ucraina stava causando gravi interruzioni della catena di approvvigionamento. IKEA ha detto che i suoi prezzi globali sarebbero aumentati di circa il 12%, rispetto alle precedenti stime del 9%. Alcuni analisti e funzionari aziendali avvertono che è troppo presto per sapere esattamente quali saranno gli effetti a lungo termine della guerra sull’economia globale, e non tutti pensano che il conflitto in Ucraina avrà un grande impatto sulle catene di approvvigionamento.

Le imprese si sono riprese dai conflitti globali in passato e possono mitigare gli effetti trovando fornitori alternativi altrove. Ma l’invasione dell’Ucraina ha già rallentato il viaggio delle merci che viaggiano con vari mezzi. Molte compagnie di navigazione occidentali si stanno allontanando dai porti russi, e addirittura un’importante linea ferroviaria Asia-Europa viene usata ancora meno, quindi gran parte del Mar Nero rimane fuori portata e molti voli cargo sono vietati o stanno evitando lo spazio aereo russo, una rotta chiave per le merci che si muovono tra Europa e Asia. Ed infine i tassi di spedizione e di trasporto aereo sono aumentati.

L’aumento dei prezzi dell’energia e del cibo sono solo i punti di pressione più ovvi per i consumatori. “Ora che stiamo assistendo ad aumenti in altre materie prime, come l’alluminio, il palladio e il rame”, ha detto la signora Bostjancic, “questo alimenterà in qualche misura anche i prezzi al consumo”. Così le industrie ucraine non hanno potuto fare a meno di fermare la produzione, tra cui produttori di parti di automobili, birrerie e una raffineria di alluminio. Queste chiusure di impianti nel paese, insieme alla difficoltà della Russia di far uscire parte del suo acciaio, dovrebbero accelerare i prezzi dell’acciaio già in aumento. Le aziende che usano l’acciaio inossidabile e altre leghe d’acciaio resistenti al calore e alla corrosione che contengono nichel dicono che si stanno preparando per i prezzi più alti e il potenziale di interruzione delle spedizioni di nichel dalla Russia, un grande esportatore.

Il nichel è anche usato nelle batterie agli ioni di litio che alimentano l’elettronica di consumo e i veicoli elettrici. Il prezzo del nichel è salito a 29.800 dollari a tonnellata, un massimo di 14 anni, con un aumento di circa il 19% al London Metal Exchange dallo scoppio dei combattimenti in Ucraina. Piccole fabbriche di parti di automobili in Ucraina che riforniscono l’industria automobilistica in generale hanno chiuso, mentre le sanzioni e le rotte commerciali interrotte stanno ostacolando le spedizioni di auto da e verso la Russia.

Inoltre gli agricoltori ucraini dovrebbero piantare presto i loro raccolti di primavera. Ma anche se i combattimenti dovessero cessare, potrebbero non avere abbastanza fertilizzanti e pesticidi. I dirigenti dell’industria agricola stanno avvertendo che i raccolti saranno inferiori in Ucraina, che normalmente ha alcuni dei campi più produttivi del mondo.

A seconda di quale coltura stai guardando, potrebbe avere impatti piuttosto gravi già nella prima stagione di crescita”, ha detto Svein Tore Holsether, amministratore delegato della norvegese Yara International AS A, uno dei più grandi produttori di fertilizzanti del mondo. “I rendimenti potrebbero diminuire del 50%“. L’Ucraina rappresenta l’8% e il 13%, rispettivamente, delle esportazioni globali di grano e mais, secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. “Per alcune parti del mondo significa cibo più costoso”, ha detto il signor Holsether.

“Per altre parti del mondo, significa accesso al cibo, ed è una questione di vita o di morte”. Nell’ultimo mese, i futures sul grano sono saliti a un massimo di 14 anni e sono aumentati di oltre il 40% nell’ultima settimana. I prezzi del mais e della soia nell’ultimo mese sono saliti rispettivamente del 21% e del 15% circa. L’aumento dei costi delle materie prime sta per gonfiare ulteriormente i prezzi delle provviste come i cereali e l’olio da cucina, così come la carne di manzo e altre carni, perché i produttori si basano molto sul grano per nutrire il bestiame e il pollame.

L’aumento dei costi del grano e del mais elimina parte della speranza che l’inflazione possa stabilizzarsi nella seconda metà dell’anno. Queste materie prime agricole sono utilizzate in quasi tutti i prodotti alimentari, ha detto Ben Bienvenu, un analista di ricerca alimentare e agroalimentare di Stephens Inc. Hormel Foods Corp. , il proprietario di marchi alimentari tra cui la carne in scatola Spam e il burro di arachidi Skippy, ha detto che si aspetta un aumento dei prezzi delle materie prime dalla guerra in Ucraina.

“Ci sarà qualche perturbazione ora e più avanti sulla strada”, ha detto il direttore finanziario della società Jacinth Smiley. James Halverson, un allevatore di Beulah, Wyo, e direttore esecutivo della South Dakota Stockgrowers Association, ha detto che i costi dei mangimi sono saliti nell’ultima settimana, rendendo più costoso per gli allevatori, lui compreso, tenere il bestiame e negoziare prezzi migliori dai confezionatori di carne. Se i costi del grano rimarranno alti nei prossimi mesi, si taglierà la sua linea di fondo, ha detto, e i clienti pagheranno di più per la carne al negozio di alimentari. “Abbiamo visto il grano salire”, ha detto. “E’ il costo numero uno dell’alimentazione del bestiame”.